Le novità sul Patent Box 110%

Proroga per il Superbonus 110% al 2023

Il Superbonus al 110% è prorogato al 2023.
Lo ha previsto la Nota di aggiornamento al Def appena approvata dal Consiglio dei Ministri.
«Il sentiero programmatico per il triennio 2022-2024 – si legge nell’introduzione della Nadef – consente di coprire le esigenze per le cosiddette politiche invariate e il rinnovo di numerose misure di rilievo economico e sociale», fra cui appunto l’efficientamento energetico degli edifici.

Inoltre, decine di aziende operative su tutto il territorio nazionale, hanno scritto una lettera al presidente Mario Draghi chiedendo di rendere strutturale il Superbonus 110%. Viene considerato uno strumento rivoluzionario, un’agevolazione senza precedenti, con un importante potenziale espansivo. A supporto i dati che non ammettono dubbi: il Superbonus 110% ha riacceso i motori all’edilizia italiana.

Si calcola che la misura avrà un impatto di 6 miliardi di euro di ricadute dirette sul settore, che diventano 21 miliardi sull’economia nel suo complesso. L’efficienza energetica conviene sia ai cittadini che alle casse dello Stato, anche grazie al maggiore gettito provocato dagli investimenti nel settore».

Ancora tutto da definire il futuro degli altri bonus edilizi. Come dichiarato dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, nell’ambito del disegno di Bilancio per il 2022, sarà valutata la proroga o la modifica di ecobonus tradizionale al 65%, bonus ristrutturazioni, sismabonus e bonus facciate. Il tempo a disposizione per chi intende sfruttare i diversi bonus edilizi secondo la formulazione attualmente in vigore è quindi veramente poco: tutti sono in scadenza il 31 dicembre 2021. Ancora più incerto il destino dello sconto in fattura e dalla cessione del credito, che, tranne che per il superbonus 110%, sono previsti per le spese sostenute nel 2020 e nel 2021.

Vuoi più informazioni? siamo a tua disposizione